Il saggio descrive le vicende del sodalizio femminile della Croce Bianca di Arbizzano; tale comunità di donne sorta in Valpolicella all’inizio del secolo XV - grazie alla donazione di una vedova benestante - si proponeva di offrire aiuto materiale, cure e sollievo ad altre donne probabilmente anziane e malate. L’esperienza nel 1418 si replicò anche in ambito urbano nella contrada veronese di Santo Stefano, ove fu fondata una seconda domus a vocazione assistenziale e tutta al femminile.

Maria Clara Rossi e Marianna Cipriani, Donne che si prendono cura di altre donne. La domus della Croce Bianca di Arbizzano (prima metà del XV secolo), in Studi di storia, arte e archeologia veronese in onore di Bruno Chiappa, a cura di Gian Maria Varanini, Cierre, Sommacampagna, Verona 2021, pp. 61-81.

Mariaclara Rossi
2021

Abstract

Il saggio descrive le vicende del sodalizio femminile della Croce Bianca di Arbizzano; tale comunità di donne sorta in Valpolicella all’inizio del secolo XV - grazie alla donazione di una vedova benestante - si proponeva di offrire aiuto materiale, cure e sollievo ad altre donne probabilmente anziane e malate. L’esperienza nel 1418 si replicò anche in ambito urbano nella contrada veronese di Santo Stefano, ove fu fondata una seconda domus a vocazione assistenziale e tutta al femminile.
978-88-5520-103-2
Vita religiosa delle donne medievali, storia dell'assistenza, ospedali medievali
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1056321
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact