A proposito dell'interpretazione di alcuni versi degli Uccelli di Aristofane