Si motiva la proposta attributiva in favore di Giambattista Maganza il Giovane del dipinto devozionale raffigurante Gesù incontra la Veronica acquisito dal Museo Camuno di Breno. La distinzione della mano dell’artista e la datazione al 1605 circa sono motivate facendo riferimento al ciclo di tele della chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Vicenza, in cui Alessandro Maganza vede al suo fianco quali collaboratori i figli Giambattista, Vincenzo e Marcantonio.

Giambattista Maganza il Giovane, cat. 3

Giorgio Fossaluzza
2016

Abstract

Si motiva la proposta attributiva in favore di Giambattista Maganza il Giovane del dipinto devozionale raffigurante Gesù incontra la Veronica acquisito dal Museo Camuno di Breno. La distinzione della mano dell’artista e la datazione al 1605 circa sono motivate facendo riferimento al ciclo di tele della chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Vicenza, in cui Alessandro Maganza vede al suo fianco quali collaboratori i figli Giambattista, Vincenzo e Marcantonio.
Giambattista Maganza il Giovane Museo Camuno di Breno chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, Vicenza Vincenzo Maganza Marcantonio Maganza Alessandro Maganza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1053915
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact