Ardigò, Bonatelli e l'inconscio: due autorevoli voci dell'Ottocento italiano a confronto