Esichio come fonte per lo studio di forme anatoliche in greco