La fortuna di Cicerone nell’antichità è legata soprattutto alle opere oratorie, come appare dai giudizi dei suoi laudatores, dalla sua utilizzazione nella scuola e dalle testimonianze manoscritte delle sue opere che ci sono pervenute. L’attività filosofica è meno considerata e solo l’interesse degli autori cristiani avvierà una maggiore considerazione per Cicerone filosofo, che in epoca tarda darà vita a commenti di natura filosofica, come quelli di Favonio Eulogio e Macrobio.

Letture scolastiche e trasmissione del testo di Cicerone in epoca antica. School readings and the tradition of Cicero's works in tne antiquity

De Paolis, P.
2021

Abstract

La fortuna di Cicerone nell’antichità è legata soprattutto alle opere oratorie, come appare dai giudizi dei suoi laudatores, dalla sua utilizzazione nella scuola e dalle testimonianze manoscritte delle sue opere che ci sono pervenute. L’attività filosofica è meno considerata e solo l’interesse degli autori cristiani avvierà una maggiore considerazione per Cicerone filosofo, che in epoca tarda darà vita a commenti di natura filosofica, come quelli di Favonio Eulogio e Macrobio.
978-90-272-0929-0
Cicerone, Fortleben, Verrinae, opere filosofiche, grammatici latini
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
De_Paolis_estratto_Castellon.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 221.7 kB
Formato Adobe PDF
221.7 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1047361
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact