Il contributo si sofferma sulla riformulazione della memoria storica da parte dell'autrice esule ungherese in Svizzera romanda. La ricerca, che si inserisce in uno studio dell'opera kristoffiana portato avanti da anni, passa qui dall'opera teatrale a quella narrativa, soffermandosi su elementi (ad esempio l'abbigliamento dei protagonisti) che permettono alla scrittrice di rendere testimonianza del regime totalitario da cui è fuggita nel 1956.

«Et les jours du tyran sont comptés». Agota Kristof e la libertà riacquistata

Riccardo Benedettini
2020

Abstract

Il contributo si sofferma sulla riformulazione della memoria storica da parte dell'autrice esule ungherese in Svizzera romanda. La ricerca, che si inserisce in uno studio dell'opera kristoffiana portato avanti da anni, passa qui dall'opera teatrale a quella narrativa, soffermandosi su elementi (ad esempio l'abbigliamento dei protagonisti) che permettono alla scrittrice di rendere testimonianza del regime totalitario da cui è fuggita nel 1956.
9788849544695
Agota Kristof
Letteratura francese del XX secolo
Letteratura Francofona Svizzera romanda
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1047339
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact