The aim of this doctoral thesis is the study of the Spanish lexicon in the journalistic language of the U.S. Hispanic Press. The Spanish language, which is part of the historical legacy of the United States, continues to be the most spoken minority language in the country: the U.S. Hispanics, or the Latinos, who in this thesis I am going to call hispanounidenses, reached 60.6 million people in 2019, which means that they represent the 18,5% of the American population. Therefore, the circulation of the Hispanic Ethnic Press in the country is unsurprising and, as I showed in this study, its development is actually rooted in the nineteenth century with the circulation of the first Hispanic newspaper in the United States, El Misisipí. The Hispanounidense community that has been formed in the United States is very heterogeneous, its components can vary by place of origin, linguistic variety and social class; in addition, it should be noted that the U.S. Hispanics are in constant and inevitable contact with the English language, which is the dominant language of the American society. In fact, U.S. Spanish cannot be described without considering the influence of the English language: Spanish is permeable to English, but in a controlled way, it is imbued with English elements but without being supplanted by them. As a result, U.S. Spanish reflects these characteristics: it consists of its different regional varieties, the heritage varieties that have been present in the territory for a long time and the new emerging varieties produced by inter-dialectal levelling; it is also characterised by linguistic loanwords and calques from the English language, by the estadounidismos and by the bilingual practice called Spanglish. In the light of this heterogenous U.S. Hispanic community, I started the study for this doctoral thesis examining the following hypotheses: what variety of Spanish is used in the U.S. Hispanic Press? Although it is known that language in the press tends to use formal terms, is it likely that the vocabulary used in a Hispanic newspaper reflects the local characteristics of its Hispanic community to which they are directed? Therefore, to what extent is the Spanish used international or influenced by Spanish regionalisms, the English language (in terms of linguistic loanwords), estadounidismos (that is, special English loanwords employed exclusively in U.S. Spanish), and code switching (Spanglish)? Is the Ethnic Press still important for the XXI century U.S. Hispanic community? Is the Spanish language variety used in the U.S. Hispanic Press a suitable normative model for the Spanish language in the U.S.? To answer these questions, I created an original corpus of U.S. Hispanic Press texts, called PRENSEEU18, of 273 639 words and which includes 501 articles from four daily newspapers, El Diario NY, Diario Las Américas (Miami), El Diario de El Paso, La Opinión (Los Angeles), and from four weeklies, El Tiempo Latino (Washington D.C.), La Raza (Chicago), Latino News (Tennessee), El Latino de Hoy (Oregon) and written between November and December 2018. Subsequently, I conducted a qualitative and a quantitative lexical analysis through the consultation of lexicographic tools and Spanish reference corpora (the Corpus NOW of M. Davies and the CORPES XXI of RAE) as well as a quantitative examination through automatic language analysis software (Antconc and Textomate). In the subsequent phase I categorised the lexical units and the expressions detected in the corpus according to an original lexical classification model, which I improved during the study; I then subdivided the lexicon in lexical typologies that refer to traditional lexical categories (americanisms, anglicisms, neologisms) but that I adapted to the special U.S. Spanish linguistic context: General Spanish Americanisms, Regional Spanish Americanisms, Pan-Hispanic Anglicisms, Unregistered Pan-Hispanic Anglicisms, Pan-American Anglicisms, Lexical or Graphic Estadounidismos, Occasional Anglicisms and New Lexical or Semantic Creations. The results of the study show that the Hispanic press in the United States is mostly dominated by Pan-Hispanic Anglicisms and in second place by General Spanish Americanisms; the presence of Regional Spanish Americanisms is also remarkable because it highlights the influence of the main Spanish dialect spoken in the area where each Hispanic newspaper circulates: it is no coincidence, for example, that El Diario NY, the newspaper addressed to the Hispanics of Mexican and Caribbean origins, who are the largest Hispanic groups living in the area, is dominated by Regional Spanish Americanisms of Mexico and the Caribbean. Similarly, the Cubanisms and Venezuelanisms identified in the Diario Las Américas reflect the most diffused Spanish dialects spoken in the Miami area; and for each publication studied the results obtained lead to similar observations. In addition, the findings show that the U.S. Hispanic Press is certainly influenced by the English language in terms of linguistic loanwords and calques, adapted or not to the Spanish language, of international or Pan-American diffusion, whereas it is characterised by code-switching with English and by occasional anglicisms, which form part of the phenomenon of Spanglish, only to a lesser extent. Therefore, I can state that the Spanish language variety used in the U.S. Hispanic Press is standard and prestigious, it simultaneously presents international and regional lexicon, configuring itself as a Glocal Spanish, a global and local variety at once. For this reason, the Spanish variety diffused through the U.S. Hispanic Press can also constitute a normative model for the U.S. Spanish to use in institutions, mass media and to teach in schools. In relation to the lexicon analysed, in the thesis I also presented and checked whether the term or expression examined was represented with an accurate diatopic description in the dictionaries considered: in the cases where the representation was found to be deficient, I suggested the integration and updating of its lexicographic information, in particular of the diatopic labels, by proposing to include the Spanish acronym for the United States, EE. UU. to indicate the diffusion of the words or expressions in the U.S. Spanish variety. In addition, in each periodical I highlighted the Pan-Hispanic Anglicisms emphasizing their historical presence in Spanish dictionaries through the consultation of the Nuevo Tesoro Lexicográfico de la Lengua Española: so, I represented the date of their recording in a table, indicating also if they were included in the contemporary dictionaries of Spanish considered for the study, the Diccionario de la lengua española (RAE-ASALE, act. 2019), the Diccionario de uso del español by María Moliner (2016) and the Diccionario del español actual (Clave, 2012). Then I investigated the presence of new and not yet recorded anglicisms: in particular, I produced a list of new estadounidismos discovered which I suggest including in future editions of dictionaries such as the Diccionario de americanismos (RAE-ASALE, 2010), the Diccionario de anglicismos del español estadounidense (Moreno-Fernández, 2018) or in future lexicographic collections dedicated to the Spanish of the United States. Similarly, during the lexical analysis of the texts of the corpus, I discovered that the origin of the author who signs the article and its subject matter influence the lexicon identified: I recognised that international anglicisms tend to be found in sports, scientific, technological, automotive and lifestyle articles, especially if they are signed by the EFE agency, while Spanish regionalisms are more likely to be employed in opinion articles and news articles from Latin America by Hispano- American authors who collaborate with the newspapers analysed. Finally, I detected and categorised some translation strategies between Spanish and English: according to these techniques, journalists tend to translate English expressions or denominations to Spanish; I have classified these examples as Directly Translated Anglicisms. Or, journalists can opt for reverse mediation, they can translate expressions or denominations from Spanish to English, these are the Reversely Translated Anglicisms. In the same way, reporters can explain cultural estadounidismos, which are the elements proper to American culture, from English to Spanish: I call this typology Translated Cultural Estadounidismos or, if the expressions translated from Spanish are linguistic calques from English, Cultural Estadounidismos Translated by Calques. On the other hand, I have also highlighted the presence of untranslated English acronyms that reveal an absence of mediation from English realised by journalists who are heavily influenced by the U.S. society English denominations: I have called them Untranslated American Acronyms. These strategies also prove that even today the Hispanic Ethnic Press is a useful tool to guide Hispanics in the U.S. society. In fact, as I demonstrated in this doctoral thesis, the U.S. Hispanic Press is a valuable medium to promote social rise, the good use of the Spanish language, with its global and local characteristics, and to make the hispanounidense identity cohesive.

La presente Tesi dottorale ha l’obiettivo di studiare il lessico dello spagnolo nel linguaggio giornalistico della stampa ispanica degli Stati Uniti. Lo spagnolo, che fa parte dell’eredità storica degli Stati Uniti, continua ad essere la lingua di minoranza più parlata nel paese, soprattutto grazie al fatto che le ingenti migrazioni di ispanici del XX e XXI secolo l’hanno rinvigorita e rafforzata in maniera continua. Di conseguenza, nel 2019 gli ispanici degli Stati Uniti, che in questo studio denomineremo hispanounidenses, hanno raggiunto i 60,6 milioni di persone, ovvero, essi rappresentano il 18,5 % della popolazione statunitense totale. Di questo passo, si prevede una crescita continua della popolazione ispanica e per il 2060 si crede che gli ispanici diventeranno 111 milioni, dei quali il 75,67 % sarà nato nel territorio statunitense. Non sorprende pertanto l’esistenza di una stampa etnica ispanica nel paese, che, in realtà, affonda le sue radici già nel XIX secolo, con El Misisipí, il primo giornale ispanico degli Stati Uniti, come abbiamo mostrato nella presente Tesi. La comunità hispanounidense che si è formata negli Stati Uniti è in realtà molto eterogenea, i suoi componenti si diversificano per luogo di provenienza, varietà linguistica e classe sociale; inoltre, gli hispanounidenses si caratterizzano per vivere in contatto continuo e inevitabile con l’inglese, che è la lingua dominante della società statunitense. Infatti, non si può parlare di uno spagnolo degli Stati Uniti senza considerare l’influenza che esercita l’inglese su questa lingua: lo spagnolo si mostra permeabile all’inglese, però in maniera controllata, s’impregna di elementi inglesi, ma senza farsi soppiantare. Di conseguenza, lo spagnolo statunitense riflette queste caratteristiche: è costituito dalle sue diverse varietà regionali, dalle varietà patrimoniali presenti da molto tempo nel territorio, dalle nuove varietà emergenti, prodotte per livellazione interdialettale, dai prestiti e calchi della lingua inglese, dagli estadounidimos e dalla pratica bilingue dello spanglish. Alla luce di questo speciale contesto linguistico sono sorte le domande che hanno stimolato la nostra ricerca: quale varietà di spagnolo è impiegata nella stampa ispanica degli Stati Uniti, che deve dirigersi a una comunità ispanofona molto eterogenea frutto delle migrazioni nel territorio di gruppi ispanici differenti? In che misura lo spagnolo della stampa ispanica è influenzato dal lessico internazionale dello spagnolo, dalla lingua inglese, in termini di prestiti linguistici, calchi strutturali, estadounidismos e cambi di codice? È verosimile pensare che il lessico impiegato in un giornale ispanico si faccia specchio delle caratteristiche linguistiche locali e interculturali dei suoi lettori, in particolare, e, più in generale, della comunità ispanofona alla quale si dirige? La stampa etnica è ancora uno strumento utile alla comunità ispanica giunta attraverso la migrazione o l’esilio e che si è trapiantata nel territorio? Infine, la varietà di spagnolo impiegata nella stampa ispanica può fungere da modello normativo per lo spagnolo statunitense? Per rispondere a tali quesiti abbiamo creato un corpus originale, denominato PRENSEEU18, di 273 639 parole, formato da 501 articoli della stampa hispanounidense, selezionati nel periodo novembre-dicembre 2018 e provenienti da quattro quotidiani – El Diario NY, Diario Las Américas (Miami), El Diario de El Paso, La Opinión (Los Angeles) – e da quattro settimanali: El Tiempo Latino (Washington D.C.), La Raza (Chicago), Latino News (Tennessee), El Latino de Hoy (Oregon). Si tratta di periodici disseminati per il territorio statunitense, scelti secondo criteri geo-linguistici. In seguito, abbiamo svolto un’analisi lessicale di tipo qualitativo, attraverso la consultazione di opere lessicografiche e corpora linguistici di controllo e di riferimento dello spagnolo (il Corpus NOW di M. Davies e il CORPES XXI della RAE), nonché un esame quantitativo attraverso software per le analisi linguistiche automatiche (AntConc e Textomate). Nella fase successiva abbiamo categorizzato le unità lessicali e le locuzioni riscontrate secondo un modello di classificazione originale, che abbiamo elaborato e migliorato nel corso del nostro studio; abbiamo, quindi, suddiviso gli elementi studiati in differenti tipologie lessicali. Queste si rifanno alle categorie lessicali tradizionali (americanismi dello spagnolo, anglicismi, neologismi), ma sono state adattate allo speciale contesto linguistico statunitense. Le tipologie lessicali così elaborate sono: americanismos generales, americanismos regionales, anglicismos panhispánicos, anglicismos no registrados en expansión panhispánica, anglicismos panamericanos, estadounidismos léxicos o gráficos, anglicismos ocasionales e nuevas creaciones léxicas o semánticas. I risultati della ricerca dimostrano che la stampa ispanica degli Stati Uniti è dominata in maggior numero dagli anglicismos panhispánicos e in seconda posizione dagli americanismos generales; è notevole anche la presenza di americanismos regionales, che mettono in luce l’influenza che esercita il dialetto dello spagnolo diffuso nel territorio sul lessico della stampa ispanica locale: non è un caso, ad esempio, che ne El Diario NY, il quotidiano che si rivolge agli ispanici di origine messicana e caraibica della metropoli, che sono i gruppi ispanici più numerosi nell’area, si riscontrino messicanismi e regionalismi dello spagnolo dei Caraibi. Allo stesso modo i cubanismi e i venezuelanismi individuati nel Diario Las Américas rispecchiano i dialetti dello spagnolo più parlati nell’area di Miami, e via di questo passo per ogni pubblicazione studiata i risultati riconducono ad osservazioni analoghe. In particolare, possiamo affermare che la stampa in lingua spagnola degli Stati Uniti è certamente influenzata dalla lingua inglese per mezzo di estadounidismos e di prestiti e calchi, adattati o no allo spagnolo, di diffusione internazionale o panamericana, mentre invece presenta solo in piccola quantità cambi di codice e anglicismi occasionali, che sono caratteristici del fenomeno dello spanglish. Possiamo concludere, quindi, che la varietà di spagnolo impiegata nella stampa ispanica statunitense è standard, colta e prestigiosa e che presenta lessico internazionale e locale simultaneamente: si configura, così, come uno spagnolo glocale, una varietà internazionale e locale allo stesso tempo. Per questa ragione, possiamo suggerire che la varietà di spagnolo che si diffonde attraverso la stampa ispanica può costituire anche un modello normativo per lo spagnolo statunitense, da utilizzare nelle istituzioni e nei mezzi di comunicazione e per l’insegnamento nelle scuole. Inoltre, in questo studio abbiamo verificato se nei dizionari di riferimento dello spagnolo la descrizione diatopica delle voci o locuzioni esaminate contemplasse il loro uso nell’ambito statunitense: nei casi in cui la rappresentazione è risultata carente, abbiamo suggerito l’integrazione e l’aggiornamento delle informazioni lessicografiche, proponendo in particolare di inserire la marca diatopica di uso negli Stati Uniti, con la sigla spagnola EE. UU. La nostra ricerca ha permesso di individuare nuovi anglicismi, ancora non registrati nelle opere lessicografiche dello spagnolo: questi sono stati catalogati come anglicismos no registrados en expansión panhispánica oppure, a seconda dei casi, come estadounidismos; questi ultimi sono, infatti, anglicismi di uso caratteristico ed esclusivo negli Stati Uniti. In particolare, lo studio che abbiamo condotto ha portato alla redazione di una lista di nuovi estadounidismos, che suggeriamo d’inserire in eventuali future edizioni di opere quali il Diccionario de americanismos (RAE-ASALE, 2010) e il Diccionario de anglicismos del español estadounidense (Moreno-Fernández, 2018) o in futuri repertori lessicografici dedicati allo spagnolo degli Stati Uniti. Nel corso dell’analisi dei testi del corpus, abbiamo notato che la provenienza dell’autore che firma l’articolo e il tema in esso trattato influenzano il lessico utilizzato: abbiamo così messo in luce che gli anglicismi internazionali tendono a concentrarsi in articoli di tema sportivo, scientifico, tecnologico, automobilistico e di lifestyle, in particolare quelli firmati dall’agenzia EFE, mentre è più probabile che i regionalismi dello spagnolo si impieghino negli articoli di opinione e in quelli che riportano notizie dall’America Latina da parte di corrispondenti ispanoamericani che collaborano con i giornali in questione. Inoltre, per ogni periodico analizzato abbiamo evidenziato gli anglicismos panhispánicos, sottolineando la loro presenza storica nei dizionari dello spagnolo attraverso la consultazione del Nuevo Tesoro Lexicográfico de la Lengua Española, mostrando poi in un’apposita tabella se gli stessi anglicismos panhispánicos studiati fossero stati registrati anche nei dizionari contemporanei dello spagnolo considerati per lo studio, vale a dire il Diccionario de la Lengua Española (RAE-ASALE, act. 2019), il Diccionario de uso del español di María Moliner (2016) e il Diccionario del español actual (Clave, 2012). Infine, nel corso della nostra ricerca è emerso che i giornalisti della stampa ispanica degli Stati Uniti mettono in atto strategie di mediazione tra lo spagnolo e l’inglese: secondo queste tecniche i giornalisti tendono a tradurre nel testo espressioni o denominazioni dall’inglese allo spagnolo; abbiamo classificato questi esempi con il nome di anglicismos mediados directamente. Oppure, i giornalisti possono optare per una mediazione inversa, traducendo le espressioni o denominazioni dallo spagnolo all’inglese (anglicismos mediados inversamente). Allo stesso modo, i redattori talvolta glossano gli estadounidismos culturales, ovvero gli elementi propri della cultura statunitense, dall’inglese allo spagnolo: denominiamo questa tipologia estadounidismos culturales mediados o, qualora le espressioni tradotte dallo spagnolo siano un calco dell’inglese, estadounidismos culturales en calcos. Dall’altro lato, abbiamo evidenziato anche il fatto che talvolta in questi testi vi sia un’assenza di mediazione, attraverso esempi di sigle dell’inglese, siglas estadounidenses sin mediación, che non vengono spiegate o tradotte dai giornalisti, forse a causa della pressante influenza delle denominazioni statunitensi che li circondano. Sono soprattutto queste ultime strategie di mediazione tra lo spagnolo e l’inglese che ci fanno pensare che ancora oggi la presenza della stampa etnica ispanica svolge un ruolo necessario nella società statunitense: attraverso queste mediazioni, il migrante appena arrivato viene guidato tra le denominazioni in inglese e i costumi del nuovo paese, mentre il migrante di seconda generazione (e delle successive) viene indirizzato verso una crescita e un’inclusione sociale. I mezzi ispanici svolgono, quindi, un ruolo fondamentale affinché i migranti ispanofoni si orientino e si integrino nella collettività; infatti, come si è dimostrato con questa Tesi, i periodici in spagnolo costituiscono degli strumenti utili per promuovere l’ascesa sociale e un buon uso della lingua spagnola negli Stati Uniti, con le sue caratteristiche locali e internazionali, e per formare e rendere coesa l’identità hispanounidense.

La lengua española en los textos periodísticos estadounidenses: léxico internacional, voces regionales y estadounidismos

Binacchi, Benedetta
2021-01-01

Abstract

La presente Tesi dottorale ha l’obiettivo di studiare il lessico dello spagnolo nel linguaggio giornalistico della stampa ispanica degli Stati Uniti. Lo spagnolo, che fa parte dell’eredità storica degli Stati Uniti, continua ad essere la lingua di minoranza più parlata nel paese, soprattutto grazie al fatto che le ingenti migrazioni di ispanici del XX e XXI secolo l’hanno rinvigorita e rafforzata in maniera continua. Di conseguenza, nel 2019 gli ispanici degli Stati Uniti, che in questo studio denomineremo hispanounidenses, hanno raggiunto i 60,6 milioni di persone, ovvero, essi rappresentano il 18,5 % della popolazione statunitense totale. Di questo passo, si prevede una crescita continua della popolazione ispanica e per il 2060 si crede che gli ispanici diventeranno 111 milioni, dei quali il 75,67 % sarà nato nel territorio statunitense. Non sorprende pertanto l’esistenza di una stampa etnica ispanica nel paese, che, in realtà, affonda le sue radici già nel XIX secolo, con El Misisipí, il primo giornale ispanico degli Stati Uniti, come abbiamo mostrato nella presente Tesi. La comunità hispanounidense che si è formata negli Stati Uniti è in realtà molto eterogenea, i suoi componenti si diversificano per luogo di provenienza, varietà linguistica e classe sociale; inoltre, gli hispanounidenses si caratterizzano per vivere in contatto continuo e inevitabile con l’inglese, che è la lingua dominante della società statunitense. Infatti, non si può parlare di uno spagnolo degli Stati Uniti senza considerare l’influenza che esercita l’inglese su questa lingua: lo spagnolo si mostra permeabile all’inglese, però in maniera controllata, s’impregna di elementi inglesi, ma senza farsi soppiantare. Di conseguenza, lo spagnolo statunitense riflette queste caratteristiche: è costituito dalle sue diverse varietà regionali, dalle varietà patrimoniali presenti da molto tempo nel territorio, dalle nuove varietà emergenti, prodotte per livellazione interdialettale, dai prestiti e calchi della lingua inglese, dagli estadounidimos e dalla pratica bilingue dello spanglish. Alla luce di questo speciale contesto linguistico sono sorte le domande che hanno stimolato la nostra ricerca: quale varietà di spagnolo è impiegata nella stampa ispanica degli Stati Uniti, che deve dirigersi a una comunità ispanofona molto eterogenea frutto delle migrazioni nel territorio di gruppi ispanici differenti? In che misura lo spagnolo della stampa ispanica è influenzato dal lessico internazionale dello spagnolo, dalla lingua inglese, in termini di prestiti linguistici, calchi strutturali, estadounidismos e cambi di codice? È verosimile pensare che il lessico impiegato in un giornale ispanico si faccia specchio delle caratteristiche linguistiche locali e interculturali dei suoi lettori, in particolare, e, più in generale, della comunità ispanofona alla quale si dirige? La stampa etnica è ancora uno strumento utile alla comunità ispanica giunta attraverso la migrazione o l’esilio e che si è trapiantata nel territorio? Infine, la varietà di spagnolo impiegata nella stampa ispanica può fungere da modello normativo per lo spagnolo statunitense? Per rispondere a tali quesiti abbiamo creato un corpus originale, denominato PRENSEEU18, di 273 639 parole, formato da 501 articoli della stampa hispanounidense, selezionati nel periodo novembre-dicembre 2018 e provenienti da quattro quotidiani – El Diario NY, Diario Las Américas (Miami), El Diario de El Paso, La Opinión (Los Angeles) – e da quattro settimanali: El Tiempo Latino (Washington D.C.), La Raza (Chicago), Latino News (Tennessee), El Latino de Hoy (Oregon). Si tratta di periodici disseminati per il territorio statunitense, scelti secondo criteri geo-linguistici. In seguito, abbiamo svolto un’analisi lessicale di tipo qualitativo, attraverso la consultazione di opere lessicografiche e corpora linguistici di controllo e di riferimento dello spagnolo (il Corpus NOW di M. Davies e il CORPES XXI della RAE), nonché un esame quantitativo attraverso software per le analisi linguistiche automatiche (AntConc e Textomate). Nella fase successiva abbiamo categorizzato le unità lessicali e le locuzioni riscontrate secondo un modello di classificazione originale, che abbiamo elaborato e migliorato nel corso del nostro studio; abbiamo, quindi, suddiviso gli elementi studiati in differenti tipologie lessicali. Queste si rifanno alle categorie lessicali tradizionali (americanismi dello spagnolo, anglicismi, neologismi), ma sono state adattate allo speciale contesto linguistico statunitense. Le tipologie lessicali così elaborate sono: americanismos generales, americanismos regionales, anglicismos panhispánicos, anglicismos no registrados en expansión panhispánica, anglicismos panamericanos, estadounidismos léxicos o gráficos, anglicismos ocasionales e nuevas creaciones léxicas o semánticas. I risultati della ricerca dimostrano che la stampa ispanica degli Stati Uniti è dominata in maggior numero dagli anglicismos panhispánicos e in seconda posizione dagli americanismos generales; è notevole anche la presenza di americanismos regionales, che mettono in luce l’influenza che esercita il dialetto dello spagnolo diffuso nel territorio sul lessico della stampa ispanica locale: non è un caso, ad esempio, che ne El Diario NY, il quotidiano che si rivolge agli ispanici di origine messicana e caraibica della metropoli, che sono i gruppi ispanici più numerosi nell’area, si riscontrino messicanismi e regionalismi dello spagnolo dei Caraibi. Allo stesso modo i cubanismi e i venezuelanismi individuati nel Diario Las Américas rispecchiano i dialetti dello spagnolo più parlati nell’area di Miami, e via di questo passo per ogni pubblicazione studiata i risultati riconducono ad osservazioni analoghe. In particolare, possiamo affermare che la stampa in lingua spagnola degli Stati Uniti è certamente influenzata dalla lingua inglese per mezzo di estadounidismos e di prestiti e calchi, adattati o no allo spagnolo, di diffusione internazionale o panamericana, mentre invece presenta solo in piccola quantità cambi di codice e anglicismi occasionali, che sono caratteristici del fenomeno dello spanglish. Possiamo concludere, quindi, che la varietà di spagnolo impiegata nella stampa ispanica statunitense è standard, colta e prestigiosa e che presenta lessico internazionale e locale simultaneamente: si configura, così, come uno spagnolo glocale, una varietà internazionale e locale allo stesso tempo. Per questa ragione, possiamo suggerire che la varietà di spagnolo che si diffonde attraverso la stampa ispanica può costituire anche un modello normativo per lo spagnolo statunitense, da utilizzare nelle istituzioni e nei mezzi di comunicazione e per l’insegnamento nelle scuole. Inoltre, in questo studio abbiamo verificato se nei dizionari di riferimento dello spagnolo la descrizione diatopica delle voci o locuzioni esaminate contemplasse il loro uso nell’ambito statunitense: nei casi in cui la rappresentazione è risultata carente, abbiamo suggerito l’integrazione e l’aggiornamento delle informazioni lessicografiche, proponendo in particolare di inserire la marca diatopica di uso negli Stati Uniti, con la sigla spagnola EE. UU. La nostra ricerca ha permesso di individuare nuovi anglicismi, ancora non registrati nelle opere lessicografiche dello spagnolo: questi sono stati catalogati come anglicismos no registrados en expansión panhispánica oppure, a seconda dei casi, come estadounidismos; questi ultimi sono, infatti, anglicismi di uso caratteristico ed esclusivo negli Stati Uniti. In particolare, lo studio che abbiamo condotto ha portato alla redazione di una lista di nuovi estadounidismos, che suggeriamo d’inserire in eventuali future edizioni di opere quali il Diccionario de americanismos (RAE-ASALE, 2010) e il Diccionario de anglicismos del español estadounidense (Moreno-Fernández, 2018) o in futuri repertori lessicografici dedicati allo spagnolo degli Stati Uniti. Nel corso dell’analisi dei testi del corpus, abbiamo notato che la provenienza dell’autore che firma l’articolo e il tema in esso trattato influenzano il lessico utilizzato: abbiamo così messo in luce che gli anglicismi internazionali tendono a concentrarsi in articoli di tema sportivo, scientifico, tecnologico, automobilistico e di lifestyle, in particolare quelli firmati dall’agenzia EFE, mentre è più probabile che i regionalismi dello spagnolo si impieghino negli articoli di opinione e in quelli che riportano notizie dall’America Latina da parte di corrispondenti ispanoamericani che collaborano con i giornali in questione. Inoltre, per ogni periodico analizzato abbiamo evidenziato gli anglicismos panhispánicos, sottolineando la loro presenza storica nei dizionari dello spagnolo attraverso la consultazione del Nuevo Tesoro Lexicográfico de la Lengua Española, mostrando poi in un’apposita tabella se gli stessi anglicismos panhispánicos studiati fossero stati registrati anche nei dizionari contemporanei dello spagnolo considerati per lo studio, vale a dire il Diccionario de la Lengua Española (RAE-ASALE, act. 2019), il Diccionario de uso del español di María Moliner (2016) e il Diccionario del español actual (Clave, 2012). Infine, nel corso della nostra ricerca è emerso che i giornalisti della stampa ispanica degli Stati Uniti mettono in atto strategie di mediazione tra lo spagnolo e l’inglese: secondo queste tecniche i giornalisti tendono a tradurre nel testo espressioni o denominazioni dall’inglese allo spagnolo; abbiamo classificato questi esempi con il nome di anglicismos mediados directamente. Oppure, i giornalisti possono optare per una mediazione inversa, traducendo le espressioni o denominazioni dallo spagnolo all’inglese (anglicismos mediados inversamente). Allo stesso modo, i redattori talvolta glossano gli estadounidismos culturales, ovvero gli elementi propri della cultura statunitense, dall’inglese allo spagnolo: denominiamo questa tipologia estadounidismos culturales mediados o, qualora le espressioni tradotte dallo spagnolo siano un calco dell’inglese, estadounidismos culturales en calcos. Dall’altro lato, abbiamo evidenziato anche il fatto che talvolta in questi testi vi sia un’assenza di mediazione, attraverso esempi di sigle dell’inglese, siglas estadounidenses sin mediación, che non vengono spiegate o tradotte dai giornalisti, forse a causa della pressante influenza delle denominazioni statunitensi che li circondano. Sono soprattutto queste ultime strategie di mediazione tra lo spagnolo e l’inglese che ci fanno pensare che ancora oggi la presenza della stampa etnica ispanica svolge un ruolo necessario nella società statunitense: attraverso queste mediazioni, il migrante appena arrivato viene guidato tra le denominazioni in inglese e i costumi del nuovo paese, mentre il migrante di seconda generazione (e delle successive) viene indirizzato verso una crescita e un’inclusione sociale. I mezzi ispanici svolgono, quindi, un ruolo fondamentale affinché i migranti ispanofoni si orientino e si integrino nella collettività; infatti, come si è dimostrato con questa Tesi, i periodici in spagnolo costituiscono degli strumenti utili per promuovere l’ascesa sociale e un buon uso della lingua spagnola negli Stati Uniti, con le sue caratteristiche locali e internazionali, e per formare e rendere coesa l’identità hispanounidense.
Comunidad hispanounidense
Léxico del español
Estados Unidos
Prensa hispana
Norma lingüística
Español estadounidense
Actualización lexicográfica
The aim of this doctoral thesis is the study of the Spanish lexicon in the journalistic language of the U.S. Hispanic Press. The Spanish language, which is part of the historical legacy of the United States, continues to be the most spoken minority language in the country: the U.S. Hispanics, or the Latinos, who in this thesis I am going to call hispanounidenses, reached 60.6 million people in 2019, which means that they represent the 18,5% of the American population. Therefore, the circulation of the Hispanic Ethnic Press in the country is unsurprising and, as I showed in this study, its development is actually rooted in the nineteenth century with the circulation of the first Hispanic newspaper in the United States, El Misisipí. The Hispanounidense community that has been formed in the United States is very heterogeneous, its components can vary by place of origin, linguistic variety and social class; in addition, it should be noted that the U.S. Hispanics are in constant and inevitable contact with the English language, which is the dominant language of the American society. In fact, U.S. Spanish cannot be described without considering the influence of the English language: Spanish is permeable to English, but in a controlled way, it is imbued with English elements but without being supplanted by them. As a result, U.S. Spanish reflects these characteristics: it consists of its different regional varieties, the heritage varieties that have been present in the territory for a long time and the new emerging varieties produced by inter-dialectal levelling; it is also characterised by linguistic loanwords and calques from the English language, by the estadounidismos and by the bilingual practice called Spanglish. In the light of this heterogenous U.S. Hispanic community, I started the study for this doctoral thesis examining the following hypotheses: what variety of Spanish is used in the U.S. Hispanic Press? Although it is known that language in the press tends to use formal terms, is it likely that the vocabulary used in a Hispanic newspaper reflects the local characteristics of its Hispanic community to which they are directed? Therefore, to what extent is the Spanish used international or influenced by Spanish regionalisms, the English language (in terms of linguistic loanwords), estadounidismos (that is, special English loanwords employed exclusively in U.S. Spanish), and code switching (Spanglish)? Is the Ethnic Press still important for the XXI century U.S. Hispanic community? Is the Spanish language variety used in the U.S. Hispanic Press a suitable normative model for the Spanish language in the U.S.? To answer these questions, I created an original corpus of U.S. Hispanic Press texts, called PRENSEEU18, of 273 639 words and which includes 501 articles from four daily newspapers, El Diario NY, Diario Las Américas (Miami), El Diario de El Paso, La Opinión (Los Angeles), and from four weeklies, El Tiempo Latino (Washington D.C.), La Raza (Chicago), Latino News (Tennessee), El Latino de Hoy (Oregon) and written between November and December 2018. Subsequently, I conducted a qualitative and a quantitative lexical analysis through the consultation of lexicographic tools and Spanish reference corpora (the Corpus NOW of M. Davies and the CORPES XXI of RAE) as well as a quantitative examination through automatic language analysis software (Antconc and Textomate). In the subsequent phase I categorised the lexical units and the expressions detected in the corpus according to an original lexical classification model, which I improved during the study; I then subdivided the lexicon in lexical typologies that refer to traditional lexical categories (americanisms, anglicisms, neologisms) but that I adapted to the special U.S. Spanish linguistic context: General Spanish Americanisms, Regional Spanish Americanisms, Pan-Hispanic Anglicisms, Unregistered Pan-Hispanic Anglicisms, Pan-American Anglicisms, Lexical or Graphic Estadounidismos, Occasional Anglicisms and New Lexical or Semantic Creations. The results of the study show that the Hispanic press in the United States is mostly dominated by Pan-Hispanic Anglicisms and in second place by General Spanish Americanisms; the presence of Regional Spanish Americanisms is also remarkable because it highlights the influence of the main Spanish dialect spoken in the area where each Hispanic newspaper circulates: it is no coincidence, for example, that El Diario NY, the newspaper addressed to the Hispanics of Mexican and Caribbean origins, who are the largest Hispanic groups living in the area, is dominated by Regional Spanish Americanisms of Mexico and the Caribbean. Similarly, the Cubanisms and Venezuelanisms identified in the Diario Las Américas reflect the most diffused Spanish dialects spoken in the Miami area; and for each publication studied the results obtained lead to similar observations. In addition, the findings show that the U.S. Hispanic Press is certainly influenced by the English language in terms of linguistic loanwords and calques, adapted or not to the Spanish language, of international or Pan-American diffusion, whereas it is characterised by code-switching with English and by occasional anglicisms, which form part of the phenomenon of Spanglish, only to a lesser extent. Therefore, I can state that the Spanish language variety used in the U.S. Hispanic Press is standard and prestigious, it simultaneously presents international and regional lexicon, configuring itself as a Glocal Spanish, a global and local variety at once. For this reason, the Spanish variety diffused through the U.S. Hispanic Press can also constitute a normative model for the U.S. Spanish to use in institutions, mass media and to teach in schools. In relation to the lexicon analysed, in the thesis I also presented and checked whether the term or expression examined was represented with an accurate diatopic description in the dictionaries considered: in the cases where the representation was found to be deficient, I suggested the integration and updating of its lexicographic information, in particular of the diatopic labels, by proposing to include the Spanish acronym for the United States, EE. UU. to indicate the diffusion of the words or expressions in the U.S. Spanish variety. In addition, in each periodical I highlighted the Pan-Hispanic Anglicisms emphasizing their historical presence in Spanish dictionaries through the consultation of the Nuevo Tesoro Lexicográfico de la Lengua Española: so, I represented the date of their recording in a table, indicating also if they were included in the contemporary dictionaries of Spanish considered for the study, the Diccionario de la lengua española (RAE-ASALE, act. 2019), the Diccionario de uso del español by María Moliner (2016) and the Diccionario del español actual (Clave, 2012). Then I investigated the presence of new and not yet recorded anglicisms: in particular, I produced a list of new estadounidismos discovered which I suggest including in future editions of dictionaries such as the Diccionario de americanismos (RAE-ASALE, 2010), the Diccionario de anglicismos del español estadounidense (Moreno-Fernández, 2018) or in future lexicographic collections dedicated to the Spanish of the United States. Similarly, during the lexical analysis of the texts of the corpus, I discovered that the origin of the author who signs the article and its subject matter influence the lexicon identified: I recognised that international anglicisms tend to be found in sports, scientific, technological, automotive and lifestyle articles, especially if they are signed by the EFE agency, while Spanish regionalisms are more likely to be employed in opinion articles and news articles from Latin America by Hispano- American authors who collaborate with the newspapers analysed. Finally, I detected and categorised some translation strategies between Spanish and English: according to these techniques, journalists tend to translate English expressions or denominations to Spanish; I have classified these examples as Directly Translated Anglicisms. Or, journalists can opt for reverse mediation, they can translate expressions or denominations from Spanish to English, these are the Reversely Translated Anglicisms. In the same way, reporters can explain cultural estadounidismos, which are the elements proper to American culture, from English to Spanish: I call this typology Translated Cultural Estadounidismos or, if the expressions translated from Spanish are linguistic calques from English, Cultural Estadounidismos Translated by Calques. On the other hand, I have also highlighted the presence of untranslated English acronyms that reveal an absence of mediation from English realised by journalists who are heavily influenced by the U.S. society English denominations: I have called them Untranslated American Acronyms. These strategies also prove that even today the Hispanic Ethnic Press is a useful tool to guide Hispanics in the U.S. society. In fact, as I demonstrated in this doctoral thesis, the U.S. Hispanic Press is a valuable medium to promote social rise, the good use of the Spanish language, with its global and local characteristics, and to make the hispanounidense identity cohesive.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La lengua española en los textos periodísticos estadounidenses: léxico internacional, voces regionales y estadounidismo_Binacchi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Tesi di dottorato "La lengua española en los textos periodísticos estadounidenses: léxico internacional, voces regionales y estadounidismos"
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 15.62 MB
Formato Adobe PDF
15.62 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1045296
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact