The project “The Mask of the Antihero. Evolution of the Mythology and Philosophy of the Superhero in Comics and Graphic Novels, from the Dark Age to the Present” aims to analyse and explore philosophical aspects inside the superheroes’ narrative, by considering comics and graphic novels, without neglecting the most recent manifestations of the phenomena like film and series. The objective is to define the structures of the superhero’s genre and the implicit philosophical concepts. The method is not to consider a specific author to analyse the superhero figure, but rather to start from comics and graphic novels themselves and gradually reveal their philosophy. Thus, as it is evident from the bibliography, it was necessary to consider various authors. In this work, the superhero’s narrative is considered a Stendhalian “mirror” of the western world and society. The genre starts with Superman, who appears for the first time on Action Comics #1 in 1938. The “superhero” did not remain unchanged since the so-called Golden Age, but he evolved together with the society in which he was born. The first two Ages of superheroes’ history (Golden and Silver Age) are taken into account, but the exam starts with the Dark Age (early 1980s). The Dark Age’s transformation is today still considered the biggest (sometimes even the last) revolution of the genre, which defines the superhero as he is today. The Dark Age’s revolution is directly linked with a profound crisis of US-society during the 1960s and 1970s. This crisis affected the superhero’s world and forced a deconstruction of the superhero figure. The “Good” the superhero embodied is questioned, and new antiheroes arise and dominate these years. Graphic novels like Alan Moore’s Watchmen and Frank Miller’s The Dark Knight Returns are emblematic milestones of this Age. It is observed that Dark Age’s characteristic aspects have reappeared, mutatis mutandis, today: after a transitional period in the 1990s, the figure of the superhero and the hero is again controversial and sometimes ambiguous, while antiheroes are increasingly successful. For these and other reasons, the contemporary Age is designated with the term Post-heroic Age. The thesis is divided into four main sections. The first concerns the superhero, and it considers the basic structures and concepts of superhero’s narrative. The key to understanding the superhero’s figure is its dualism and its relationship with the mask. The mask is intended as an idol and double identity; it is the genre’s clearest marker. Superheroes do not just “hide” behind a mask: they assume a whole new identity linked to a symbol and a different Weltanschauung. The double identity defines superhero’s relation with society and thanks to it the character can remain in a liminal state, in a balance between the human world, the society he protects, and the “super”, inhuman one, the world of the mask. The relation with the mask shows the contradictions and the aporias, which the superhero figure implies, especially in connection with law and morality. The superhero fights to defend the status quo, Justice and “Good”, but his mission requires that he acts outside the law. He is – and must be – a criminal. Only thanks to his liminal state he can operate despite this critical contradiction. If the superhero loses this state, he could become an antihero or even a villain. The works of Friedrich Nietzsche and Jean-Paul Sartre are fundamental to define the concept of “mask”. Another significant element examined is the superhero’s relationship with violence, analysed mainly through René Girard’s work. What are the methods used by the hero, and what do they involve? How far can the superhero go to defend the “Good”? Furthermore, what exactly is this “Good”? These questions guide this point of the analysis. The second section is regarding the villain. The relation between hero and villain is crucial, and the two figures prove to be less different as they seem at the beginning. There are different villain types: this distinction is methodologically useful for examining aspects revealed by a particular villain category. For example, the Doppelgänger and the Archenemy studies help define the relationship between superhero and supervillain. The other villain types are the Monster, the Enemy Commander, the Common Super-Criminal, and the Heroic Villain. The Monster (also in a moral sense) is the basis of the analysis regarding the villain. The Monster is also a crucial figure to study the inhuman dimension connected to the mask and, consequently, to the superhero. The third section is the “heart” of this work, and it is focused on the antihero. This figure proved to be central to comprehend and define the superhero today. The following questions do not have an easy answer: “Why do we define a character an antihero? Why a villain or a superhero?” Key elements to define an antihero are his mask, the relationship with his society, and the moral conflict he usually causes. The antiheroic figures defined as “Rebels” and “Revolutionaries” are fundamental for understanding what an antihero is: they are characters such as V (V for Vendetta), Rorschach (Watchmen) or The Punisher (Marvel universe). From a philosophical point of view, Albert Camus’ The Myth of Sisyphus and The Rebel and the Nietzschean Übermensch are crucial at this point of the analysis. Other types of antiheroes taken into consideration are the “Parodies” (such as Deadpool or the Italian Rat-Man), the “Non-heroes”, (characters who reject the role of hero and the mask, like many mutants of the Marvel universe or Jessica Jones) and finally the antiheroines. The chapter about the antiheroines opens the last section, which considers the superheroine and the superwoman in general. It is necessary to consider superwomen separately because they present important peculiarity compared to supermen, and they had a different evolution. The superheroes’ universe was, and in part still is, male-dominated and sometimes even sexist. The issues concerning the sexism present in superhero fiction and the stereotypes related to women often forced to assume the stereotypical roles of the victim, girlfriend, or femme fatale, are described and deepened. A fundamental aspect revealed is the link that female figures have with antiheroes, as characters of rupture and criticism of a predominantly male universe. Superwoman’s analysis also provides an opportunity to retrace the ages of superhero comics and the issues addressed in the course of the work to show the similarities and differences in heroines and villainesses’ specific case. In particular, the body’s theme is studied, concerning both superwomen and superheroes. This theme closes the work by reconnecting directly with that of the mask.

Il progetto “La Maschera dell’Antieroe. Evoluzione della Mitologia e della Filosofia del Supereroe in Fumetti e Graphic Novel, dalla Dark Age a Oggi” nasce con lo scopo di analizzare e approfondire gli aspetti filosofici propri della narrativa supereroica, considerando prevalentemente il media nel quale tale narrativa ha preso vita, il fumetto, ma senza tralasciare le più recenti manifestazioni del fenomeno come film e serie televisive. L’obiettivo è stato quello di scoprire quelle che sono le strutture tipiche del mondo supereroico e quali sono i concetti filosofici in esse impliciti. A questo proposito non si è utilizzato un determinato autore attraverso il quale analizzare la figura del supereroe, ma piuttosto si è cercato di partire da fumetti e graphic novel stessi, svelando gradualmente la filosofia che gli è propria. Per questo motivo, come è evidente dalla bibliografia, è stato necessario considerare un vasto numero di autori. Si è considerata la narrativa supereroica come “specchio” del mondo e della società occidentale, nel senso Stendhaliano del termine. Si inizia a parlare di supereroi con Superman, pubblicato per la prima volta su Action Comics #1 nel 1938. La figura non è rimasta immutata, ma si è evoluta e modificata assieme alla società nella quale è nata. Pur considerando anche le prime due età del fumetto supereroico, la Golden Age e Silver Age, si è scelto di partire dalla Dark Age, età che comincia circa all’inizio degli anni ’80. Questa è ancora oggi considerata la più grande (e da alcuni l’ultima) trasformazione che il genere ha conosciuto e dalla quale è nato il supereroe così come lo conosciamo oggi. Questa trasformazione è legata a quella che è una profonda crisi della società americana degli anni ’60 e ’70, crisi che esplode anche nel mondo dei supereroi influenzando, da un lato una decostruzione della figura stessa del supereroe e di ciò che rappresenta, dall’altro la nascita e l’ascesa di un elevato numero di antieroi che domineranno questo periodo. Testi come Watchmen di Alan Moore e The Dark Knight Returns di Frank Miller sono pietre miliari e opere emblematiche di questa Age. È stato osservato che aspetti caratteristici della rivoluzione della Dark Age sono riapparsi, mutatis mutandis, oggi: dopo un periodo di transizione del corso degli anni ’90, la figura del supereroe e dell’eroe è nuovamente controversa e a volte ambigua, mentre l’antieroe ha sempre più successo. Per questi e altri motivi si è voluta designare l’età contemporanea con il termine di Post-heroic Age. Il lavoro è stato strutturato in quattro sezioni principali. La prima, riguardante il supereroe, ha inquadrato le strutture e i concetti base di questa narrativa. Chiave per comprendere tale figura è il suo dualismo e il suo rapporto con la maschera. La maschera, intesa come idolo e doppia identità è l’elemento più distintivo del genere. Il supereroe non solo si “nasconde” dietro una maschera come facevano personaggi quali Zorro o The Phantom, ma assume una seconda identità legata a un simbolo e a una differente Weltanschauung. Questa doppia identità definisce il rapporto tra il personaggio e la sua società, permettendo all’eroe di mantenersi in un fondamentale stato liminale, in bilico tra il mondo umano, la società che protegge e della quale è parte grazie all’identità civile, e il mondo “super”, inumano, del quale fa parte nel momento che indossa la maschera. È possibile già cogliere, nel rapporto del supereroe con la maschera, le contraddizioni e le aporie che una tale figura comporta in particolare in relazione alla legge e alla morale. Il supereroe combatte per difendere lo status quo, la Giustizia, il “Bene”, ma per farlo agisce necessariamente al di fuori della legge, è – de facto – un criminale. È solo il permanere nello stato liminale che gli permette di “sopravvivere” e operare all’interno di questa contraddizione fondamentale. Perderlo significa – spesso – perdere lo status di “supereroe”, diventando un antieroe o un villain. Per approfondire il concetto di “maschera” si sono rivelate fondamentali le opere di Friedrich Nietzsche e Jean-Paul Sartre. Altro elemento chiave preso in esame è stato il rapporto del supereroe con la violenza, analizzato facendo riferimento principalmente all’opera di René Girard. Quali sono e cosa comportano i metodi utilizzati dall’eroe? Fino a dove può spingersi il supereroe per difendere il “Bene”? E in cosa consiste esattamente questo “Bene”? Queste le domande che hanno guidato questo punto dell’analisi. La seconda sezione ha preso in esame il villain, il cattivo. Fondamentale è il rapporto che lega tra loro le due figure, che si sono rivelate meno distanti di quanto potrebbero inizialmente sembrare. L’analisi sul villain ha definito e approfondito differenti tipologie. La separazione dei vari tipi di cattivo non è netta, ma è stata metodologicamente utile per focalizzarsi su determinati aspetti che un determinato villain rivela: ad esempio per approfondire il legame tra villain ed eroe si sono considerati il Doppelgänger e il genio criminale, l’arcinemico del supereroe. Le altre categorie individuate sono quella del mostro, del comandante nemico, del comune supercriminale e del villain eroico. Alla base dell’analisi sul villain sta la figura del mostro, inteso anche in senso morale. Il mostro è una figura chiave per studiare non solo il cattivo ma anche la dimensione dell’inumano, rappresentata dalla maschera e legata, quindi, anche al supereroe. La terza sezione è il “cuore” di questo lavoro e si concentra sulla figura dell’antieroe. Tale figura si è rivelata centrale per comprendere e definire chi è il supereroe oggi. La domanda “quando un personaggio è un antieroe, quando invece un villain o un supereroe?” non permette una facile risposta. Elementi chiave per stabilire chi è un antieroe si sono rivelati essere la maschera, il rapporto del personaggio con la società, e il conflitto morale che di norma propone. Centrali le figure antieroiche definite “Ribelli” e “Rivoluzionari”, personaggi come V di V per Vendetta, Rorschach di Watchmen o il Punitore dell’universo Marvel. Da un punto di vista filosofico si è fatto riferimento principalmente, ma non solo, ad Albert Camus (Il Mito di Sisifo e L’Uomo in Rivolta) e al concetto di Übermensch Nietzschiano. Altre tipologie di antieroi prese in considerazione sono state: le “Parodie” (come Deadpool o l’italiano Rat-Man), i “Non-eroi”, personaggi cioè che rifiutano il ruolo di eroe e la maschera (come molti mutanti dell’universo Marvel o Jessica Jones) e infine le antieroine. Lo studio delle antieroine apre l’ultima sezione dell’opera, incentrata sulla figura della supereroina, o più in generale sulla superdonna. Si è rivelato necessario considerare separatamente e approfonditamente la figura della donna nell’universo supereroico, in quanto questa presenta delle peculiarità non indifferenti rispetto ai superuomini e ha conosciuto un’evoluzione differente. L’universo supereroico era, e in parte ancora è, principalmente maschile e a tratti maschilista. Sono state descritte e approfondite le questioni riguardante il sessismo presente nella narrativa supereroica e gli stereotipi legati alla donna, costretta spesso ad assumere ruoli “piatti” della vittima, della fidanzata o della femme fatale. Aspetto fondamentale venuto alla luce è il legame che tutte le figure femminili hanno con il concetto di antieroe, in quanto personaggi di rottura e critica di un universo prevalentemente maschile. L’analisi sulla superdonna ha anche fornito l’occasione di ripercorrere le età del fumetto supereroico e le tematiche affrontate nel corso del lavoro, per mostrarne le similitudini e le differenze nel caso specifico di eroine e villainesses. In particolare, è stato studiato il tema del corpo, in relazione alla superdonna, ma anche al supereroe in generale, tema che chiude il lavoro andando anche a ricollegarsi direttamente con quello della maschera.

La Maschera dell’Antieroe. Evoluzione della Mitologia e della Filosofia del Supereroe in Fumetti e Graphic Novel, dalla Dark Age a Oggi

Favaro Marco
2021-01-01

Abstract

Il progetto “La Maschera dell’Antieroe. Evoluzione della Mitologia e della Filosofia del Supereroe in Fumetti e Graphic Novel, dalla Dark Age a Oggi” nasce con lo scopo di analizzare e approfondire gli aspetti filosofici propri della narrativa supereroica, considerando prevalentemente il media nel quale tale narrativa ha preso vita, il fumetto, ma senza tralasciare le più recenti manifestazioni del fenomeno come film e serie televisive. L’obiettivo è stato quello di scoprire quelle che sono le strutture tipiche del mondo supereroico e quali sono i concetti filosofici in esse impliciti. A questo proposito non si è utilizzato un determinato autore attraverso il quale analizzare la figura del supereroe, ma piuttosto si è cercato di partire da fumetti e graphic novel stessi, svelando gradualmente la filosofia che gli è propria. Per questo motivo, come è evidente dalla bibliografia, è stato necessario considerare un vasto numero di autori. Si è considerata la narrativa supereroica come “specchio” del mondo e della società occidentale, nel senso Stendhaliano del termine. Si inizia a parlare di supereroi con Superman, pubblicato per la prima volta su Action Comics #1 nel 1938. La figura non è rimasta immutata, ma si è evoluta e modificata assieme alla società nella quale è nata. Pur considerando anche le prime due età del fumetto supereroico, la Golden Age e Silver Age, si è scelto di partire dalla Dark Age, età che comincia circa all’inizio degli anni ’80. Questa è ancora oggi considerata la più grande (e da alcuni l’ultima) trasformazione che il genere ha conosciuto e dalla quale è nato il supereroe così come lo conosciamo oggi. Questa trasformazione è legata a quella che è una profonda crisi della società americana degli anni ’60 e ’70, crisi che esplode anche nel mondo dei supereroi influenzando, da un lato una decostruzione della figura stessa del supereroe e di ciò che rappresenta, dall’altro la nascita e l’ascesa di un elevato numero di antieroi che domineranno questo periodo. Testi come Watchmen di Alan Moore e The Dark Knight Returns di Frank Miller sono pietre miliari e opere emblematiche di questa Age. È stato osservato che aspetti caratteristici della rivoluzione della Dark Age sono riapparsi, mutatis mutandis, oggi: dopo un periodo di transizione del corso degli anni ’90, la figura del supereroe e dell’eroe è nuovamente controversa e a volte ambigua, mentre l’antieroe ha sempre più successo. Per questi e altri motivi si è voluta designare l’età contemporanea con il termine di Post-heroic Age. Il lavoro è stato strutturato in quattro sezioni principali. La prima, riguardante il supereroe, ha inquadrato le strutture e i concetti base di questa narrativa. Chiave per comprendere tale figura è il suo dualismo e il suo rapporto con la maschera. La maschera, intesa come idolo e doppia identità è l’elemento più distintivo del genere. Il supereroe non solo si “nasconde” dietro una maschera come facevano personaggi quali Zorro o The Phantom, ma assume una seconda identità legata a un simbolo e a una differente Weltanschauung. Questa doppia identità definisce il rapporto tra il personaggio e la sua società, permettendo all’eroe di mantenersi in un fondamentale stato liminale, in bilico tra il mondo umano, la società che protegge e della quale è parte grazie all’identità civile, e il mondo “super”, inumano, del quale fa parte nel momento che indossa la maschera. È possibile già cogliere, nel rapporto del supereroe con la maschera, le contraddizioni e le aporie che una tale figura comporta in particolare in relazione alla legge e alla morale. Il supereroe combatte per difendere lo status quo, la Giustizia, il “Bene”, ma per farlo agisce necessariamente al di fuori della legge, è – de facto – un criminale. È solo il permanere nello stato liminale che gli permette di “sopravvivere” e operare all’interno di questa contraddizione fondamentale. Perderlo significa – spesso – perdere lo status di “supereroe”, diventando un antieroe o un villain. Per approfondire il concetto di “maschera” si sono rivelate fondamentali le opere di Friedrich Nietzsche e Jean-Paul Sartre. Altro elemento chiave preso in esame è stato il rapporto del supereroe con la violenza, analizzato facendo riferimento principalmente all’opera di René Girard. Quali sono e cosa comportano i metodi utilizzati dall’eroe? Fino a dove può spingersi il supereroe per difendere il “Bene”? E in cosa consiste esattamente questo “Bene”? Queste le domande che hanno guidato questo punto dell’analisi. La seconda sezione ha preso in esame il villain, il cattivo. Fondamentale è il rapporto che lega tra loro le due figure, che si sono rivelate meno distanti di quanto potrebbero inizialmente sembrare. L’analisi sul villain ha definito e approfondito differenti tipologie. La separazione dei vari tipi di cattivo non è netta, ma è stata metodologicamente utile per focalizzarsi su determinati aspetti che un determinato villain rivela: ad esempio per approfondire il legame tra villain ed eroe si sono considerati il Doppelgänger e il genio criminale, l’arcinemico del supereroe. Le altre categorie individuate sono quella del mostro, del comandante nemico, del comune supercriminale e del villain eroico. Alla base dell’analisi sul villain sta la figura del mostro, inteso anche in senso morale. Il mostro è una figura chiave per studiare non solo il cattivo ma anche la dimensione dell’inumano, rappresentata dalla maschera e legata, quindi, anche al supereroe. La terza sezione è il “cuore” di questo lavoro e si concentra sulla figura dell’antieroe. Tale figura si è rivelata centrale per comprendere e definire chi è il supereroe oggi. La domanda “quando un personaggio è un antieroe, quando invece un villain o un supereroe?” non permette una facile risposta. Elementi chiave per stabilire chi è un antieroe si sono rivelati essere la maschera, il rapporto del personaggio con la società, e il conflitto morale che di norma propone. Centrali le figure antieroiche definite “Ribelli” e “Rivoluzionari”, personaggi come V di V per Vendetta, Rorschach di Watchmen o il Punitore dell’universo Marvel. Da un punto di vista filosofico si è fatto riferimento principalmente, ma non solo, ad Albert Camus (Il Mito di Sisifo e L’Uomo in Rivolta) e al concetto di Übermensch Nietzschiano. Altre tipologie di antieroi prese in considerazione sono state: le “Parodie” (come Deadpool o l’italiano Rat-Man), i “Non-eroi”, personaggi cioè che rifiutano il ruolo di eroe e la maschera (come molti mutanti dell’universo Marvel o Jessica Jones) e infine le antieroine. Lo studio delle antieroine apre l’ultima sezione dell’opera, incentrata sulla figura della supereroina, o più in generale sulla superdonna. Si è rivelato necessario considerare separatamente e approfonditamente la figura della donna nell’universo supereroico, in quanto questa presenta delle peculiarità non indifferenti rispetto ai superuomini e ha conosciuto un’evoluzione differente. L’universo supereroico era, e in parte ancora è, principalmente maschile e a tratti maschilista. Sono state descritte e approfondite le questioni riguardante il sessismo presente nella narrativa supereroica e gli stereotipi legati alla donna, costretta spesso ad assumere ruoli “piatti” della vittima, della fidanzata o della femme fatale. Aspetto fondamentale venuto alla luce è il legame che tutte le figure femminili hanno con il concetto di antieroe, in quanto personaggi di rottura e critica di un universo prevalentemente maschile. L’analisi sulla superdonna ha anche fornito l’occasione di ripercorrere le età del fumetto supereroico e le tematiche affrontate nel corso del lavoro, per mostrarne le similitudini e le differenze nel caso specifico di eroine e villainesses. In particolare, è stato studiato il tema del corpo, in relazione alla superdonna, ma anche al supereroe in generale, tema che chiude il lavoro andando anche a ricollegarsi direttamente con quello della maschera.
Antihero, Superhero, Superheroine, Dark Age, Mask, Villain, Monster, Post-heroic Age
Antieroe, Supereroe, Supereroina, Mostro, Maschera, Doppelgänger, Übermensch
The project “The Mask of the Antihero. Evolution of the Mythology and Philosophy of the Superhero in Comics and Graphic Novels, from the Dark Age to the Present” aims to analyse and explore philosophical aspects inside the superheroes’ narrative, by considering comics and graphic novels, without neglecting the most recent manifestations of the phenomena like film and series. The objective is to define the structures of the superhero’s genre and the implicit philosophical concepts. The method is not to consider a specific author to analyse the superhero figure, but rather to start from comics and graphic novels themselves and gradually reveal their philosophy. Thus, as it is evident from the bibliography, it was necessary to consider various authors. In this work, the superhero’s narrative is considered a Stendhalian “mirror” of the western world and society. The genre starts with Superman, who appears for the first time on Action Comics #1 in 1938. The “superhero” did not remain unchanged since the so-called Golden Age, but he evolved together with the society in which he was born. The first two Ages of superheroes’ history (Golden and Silver Age) are taken into account, but the exam starts with the Dark Age (early 1980s). The Dark Age’s transformation is today still considered the biggest (sometimes even the last) revolution of the genre, which defines the superhero as he is today. The Dark Age’s revolution is directly linked with a profound crisis of US-society during the 1960s and 1970s. This crisis affected the superhero’s world and forced a deconstruction of the superhero figure. The “Good” the superhero embodied is questioned, and new antiheroes arise and dominate these years. Graphic novels like Alan Moore’s Watchmen and Frank Miller’s The Dark Knight Returns are emblematic milestones of this Age. It is observed that Dark Age’s characteristic aspects have reappeared, mutatis mutandis, today: after a transitional period in the 1990s, the figure of the superhero and the hero is again controversial and sometimes ambiguous, while antiheroes are increasingly successful. For these and other reasons, the contemporary Age is designated with the term Post-heroic Age. The thesis is divided into four main sections. The first concerns the superhero, and it considers the basic structures and concepts of superhero’s narrative. The key to understanding the superhero’s figure is its dualism and its relationship with the mask. The mask is intended as an idol and double identity; it is the genre’s clearest marker. Superheroes do not just “hide” behind a mask: they assume a whole new identity linked to a symbol and a different Weltanschauung. The double identity defines superhero’s relation with society and thanks to it the character can remain in a liminal state, in a balance between the human world, the society he protects, and the “super”, inhuman one, the world of the mask. The relation with the mask shows the contradictions and the aporias, which the superhero figure implies, especially in connection with law and morality. The superhero fights to defend the status quo, Justice and “Good”, but his mission requires that he acts outside the law. He is – and must be – a criminal. Only thanks to his liminal state he can operate despite this critical contradiction. If the superhero loses this state, he could become an antihero or even a villain. The works of Friedrich Nietzsche and Jean-Paul Sartre are fundamental to define the concept of “mask”. Another significant element examined is the superhero’s relationship with violence, analysed mainly through René Girard’s work. What are the methods used by the hero, and what do they involve? How far can the superhero go to defend the “Good”? Furthermore, what exactly is this “Good”? These questions guide this point of the analysis. The second section is regarding the villain. The relation between hero and villain is crucial, and the two figures prove to be less different as they seem at the beginning. There are different villain types: this distinction is methodologically useful for examining aspects revealed by a particular villain category. For example, the Doppelgänger and the Archenemy studies help define the relationship between superhero and supervillain. The other villain types are the Monster, the Enemy Commander, the Common Super-Criminal, and the Heroic Villain. The Monster (also in a moral sense) is the basis of the analysis regarding the villain. The Monster is also a crucial figure to study the inhuman dimension connected to the mask and, consequently, to the superhero. The third section is the “heart” of this work, and it is focused on the antihero. This figure proved to be central to comprehend and define the superhero today. The following questions do not have an easy answer: “Why do we define a character an antihero? Why a villain or a superhero?” Key elements to define an antihero are his mask, the relationship with his society, and the moral conflict he usually causes. The antiheroic figures defined as “Rebels” and “Revolutionaries” are fundamental for understanding what an antihero is: they are characters such as V (V for Vendetta), Rorschach (Watchmen) or The Punisher (Marvel universe). From a philosophical point of view, Albert Camus’ The Myth of Sisyphus and The Rebel and the Nietzschean Übermensch are crucial at this point of the analysis. Other types of antiheroes taken into consideration are the “Parodies” (such as Deadpool or the Italian Rat-Man), the “Non-heroes”, (characters who reject the role of hero and the mask, like many mutants of the Marvel universe or Jessica Jones) and finally the antiheroines. The chapter about the antiheroines opens the last section, which considers the superheroine and the superwoman in general. It is necessary to consider superwomen separately because they present important peculiarity compared to supermen, and they had a different evolution. The superheroes’ universe was, and in part still is, male-dominated and sometimes even sexist. The issues concerning the sexism present in superhero fiction and the stereotypes related to women often forced to assume the stereotypical roles of the victim, girlfriend, or femme fatale, are described and deepened. A fundamental aspect revealed is the link that female figures have with antiheroes, as characters of rupture and criticism of a predominantly male universe. Superwoman’s analysis also provides an opportunity to retrace the ages of superhero comics and the issues addressed in the course of the work to show the similarities and differences in heroines and villainesses’ specific case. In particular, the body’s theme is studied, concerning both superwomen and superheroes. This theme closes the work by reconnecting directly with that of the mask.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MascheraAntieroe_MarcoFavaro.pdf

accesso aperto

Descrizione: Tesi di dottorato
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 22.82 MB
Formato Adobe PDF
22.82 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1043823
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact