La tragedia greca e i suoi tiranni: considerazioni intorno a un libro di Diego Lanza