"La fata delle cose squisite e non capite", postfazione a J. d'Adelswärd-Fersen, "Venezia, Nostra Signora dei mari morti"