Il volume tratta dei cd. patti successori dispositivi – locuzione, questa, non testimoniata nelle fonti antiche – a partire dal ‘punto di approdo’ di una evoluzione discontinua (fra limitate aperture giurisprudenziali e irrigidimenti nella legislazione imperiale a partire dall’avanzato III sec. d.C.): la costituzione giustinianea del 1° novembre 531 riportata in C. 2.3.20, inclusa tra le constitutiones ad commodum propositi operis pertinentes e, perciò, valutata di carattere non già innovativo (come sostenuto dalla communis opinio), bensì ricognitivo e chiarificatore di un insieme di principi elaborati già in seno alla scientia iuris classica. Mirando alla ricostruzione del significato della ‘contrarietà ai boni mores’ dei negozi de hereditate tertii, lo studio risulta condotto con uno scrupolo volto a non coartare con schemi terminologici e concettuali moderni le reali motivazioni sottese alle soluzioni fornite da giuristi e imperatori a questioni che, oggi, verrebbero ricondotte al divieto di cui all’art. 458 cod. civ.

I patti successori dispositivi nel diritto romano

Maria Federica Merotto
2020-01-01

Abstract

Il volume tratta dei cd. patti successori dispositivi – locuzione, questa, non testimoniata nelle fonti antiche – a partire dal ‘punto di approdo’ di una evoluzione discontinua (fra limitate aperture giurisprudenziali e irrigidimenti nella legislazione imperiale a partire dall’avanzato III sec. d.C.): la costituzione giustinianea del 1° novembre 531 riportata in C. 2.3.20, inclusa tra le constitutiones ad commodum propositi operis pertinentes e, perciò, valutata di carattere non già innovativo (come sostenuto dalla communis opinio), bensì ricognitivo e chiarificatore di un insieme di principi elaborati già in seno alla scientia iuris classica. Mirando alla ricostruzione del significato della ‘contrarietà ai boni mores’ dei negozi de hereditate tertii, lo studio risulta condotto con uno scrupolo volto a non coartare con schemi terminologici e concettuali moderni le reali motivazioni sottese alle soluzioni fornite da giuristi e imperatori a questioni che, oggi, verrebbero ricondotte al divieto di cui all’art. 458 cod. civ.
978-88-243-2703-9
Patti successori, Divieto di patti successori in diritto romano, patti successori dispositivi, votum corvinum, spes successionis, C. 2.3.30, C. 2.4.11, Hor. sat. 2.5, Sen. Rhet. contr. 6.1, Pap. 12 resp. D. 39.5.29.2, Ulp. 19 ad ed. D. 10.2.20.3, captatores , heredipetae, Seneca Controversiae
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Monografia MF_Merotto.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 2.55 MB
Formato Adobe PDF
2.55 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1042729
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact