Riconoscimenti di persona ed errori giudiziari: la “parabola dei ciechi” nel processo penale