La valutazione del paziente con insufficienza neoglottica