I «graffiti dei bambini»: alcune riflessioni sulle «potenzialità» di una categoria epigrafica