Fra corpi e storie: ambiguità e potenzialità del dispositivo SOGI