Un sociologo nella Zona Rossa. Rischio, paura, morte e creatività ai tempi di Covid-19