Il contributo offre una panoramica sulla situazione legislativa che regola l’archeologia preventiva e, illustrando le varie tappe delle azioni di indagine del territorio, mostra come esse possano allo stesso tempo limitare il più possibile danni al bene archeologico, riducendo allo stesso tempo il rischio che ritrovamenti imprevisti rallentino o blocchino in corso d’opera la realizzazione di interventi di forte impatto sul territorio.

L’archeologia preventiva e la valutazione di impatto archeologico

Turri
2019-01-01

Abstract

Il contributo offre una panoramica sulla situazione legislativa che regola l’archeologia preventiva e, illustrando le varie tappe delle azioni di indagine del territorio, mostra come esse possano allo stesso tempo limitare il più possibile danni al bene archeologico, riducendo allo stesso tempo il rischio che ritrovamenti imprevisti rallentino o blocchino in corso d’opera la realizzazione di interventi di forte impatto sul territorio.
9788829706617
archeologia preventiva, ViArch, legislazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Turri_1.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 520.31 kB
Formato Adobe PDF
520.31 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1012355
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact