Ancora sul testo della Monarchia di Dante: ragioni filo- logiche