Critica dello spazio puro. Dallo spazio della vittima a Carl Schmitt