La “lingua salvata” di Emmanuel Carrère: percorsi identitari tra francese e russo