L’articolo analizza l’allestimento proposto nel 1978 da Lamberto Puggelli per Il piacere dell’onestà di Pirandello con Alberto Lionello ed Erica Blanc. Il motivo introdotto dal protagonista pirandelliano di un’esistenza vissuta «nell’assoluto di una pura forma astratta» coniugato con quello giuseppineo di custode della natività costituisce l’orizzonte tematico da cui trae origine una messa in scena metateatrale particolarmente suggestiva che utilizza fonti iconografiche ispirate alla pittura metafisica di Carrà-De Chirico e a quella surrealista di Magritte, Tanguy, Dalì e Delvaux.

Il salotto della tortura in un cielo magrittiano: "Il piacere dell'onestà" di Pirandello-Puggelli

BRUNETTI, SIMONA
2011

Abstract

L’articolo analizza l’allestimento proposto nel 1978 da Lamberto Puggelli per Il piacere dell’onestà di Pirandello con Alberto Lionello ed Erica Blanc. Il motivo introdotto dal protagonista pirandelliano di un’esistenza vissuta «nell’assoluto di una pura forma astratta» coniugato con quello giuseppineo di custode della natività costituisce l’orizzonte tematico da cui trae origine una messa in scena metateatrale particolarmente suggestiva che utilizza fonti iconografiche ispirate alla pittura metafisica di Carrà-De Chirico e a quella surrealista di Magritte, Tanguy, Dalì e Delvaux.
9788860580702
Artioli; Pirandello; Magritte
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/348923
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact