Giorgio Manganelli è stato un attento lettore di Leopardi. La «gioia teoretica» del Dialogo di Torquato Tasso e del suo Genio familiare è per lui l'emblema di una narrativa strettamente connessa alle figure della retorica ma anche venata di una sotterranea riflessione morale. Il primo libro di Manganelli, Hilarotragoedia (1963) e altri suoi scritti vengono indagati e commentati alla luce delle affinità tematiche e stilistiche con alcuni passi delle Operette morali di Leopardi, che valgono come un modello insieme di filosofia negativa e di immaginazione mitica.

Manganelli e Leopardi: un modello retorico e morale

Giuseppe Sandrini
2022

Abstract

Giorgio Manganelli è stato un attento lettore di Leopardi. La «gioia teoretica» del Dialogo di Torquato Tasso e del suo Genio familiare è per lui l'emblema di una narrativa strettamente connessa alle figure della retorica ma anche venata di una sotterranea riflessione morale. Il primo libro di Manganelli, Hilarotragoedia (1963) e altri suoi scritti vengono indagati e commentati alla luce delle affinità tematiche e stilistiche con alcuni passi delle Operette morali di Leopardi, che valgono come un modello insieme di filosofia negativa e di immaginazione mitica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1063663
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact