Le “nuove” forme di violenza contro “soggetti vulnerabili” nel contesto tecnologico: un quadro fenomenico